Immagine Ristrutturazioni

Ristrutturazioni: comunicazione Enea per lavori che riducono i consumi energetici

Pubblicato il Pubblicato in Energia, Studio Eubios News

– A cura di Alessandro Mosele

ristrutturazioniFinalmente è attivo il sito ENEA per le comunicazioni di interventi di ristrutturazione edilizia (Detrazioni fiscali del 50% ai sensi dell’art.16 bis del D.P.R. 917/86 e s.m.i T.U.I.R.) che comportano risparmio energetico e utilizzo di fonti rinnovabili di energia (Interventi diversi dall’eco-bonus, per cui restano valide le procedure preesistenti), oggetto del precedente articolo Ristrutturazioni: obbligo comunicazione Enea per lavori che riducono i consumi energetici.

La comunicazione è obbligatoria per interventi la cui fine dei lavori ricade nell’anno solare 2018.
La trasmissione dei dati dovrà avvenire entro il termine di 90 giorni a partire dalla data di ultimazione dei lavori o del collaudo. Per gli interventi la cui data di fine lavori (come da collaudo delle opere, dal certificato di fine dei lavori o da dichiarazione di conformità) è compresa tra il 01/01/2018 e il 21/11/2018 (data di apertura del sito) il termine dei 90 giorni decorre dal 21/11/2018.
Per maggiori dettagli sulle condizioni di ammissibilità degli interventi e sugli interventi soggetti ad obbligo di comunicazione si rimanda all’opuscolo dell’Agenzia delle Entrate (edizione 11/2018, pag. 17) “Ristrutturazioni edilizie: detrazioni fiscali – edizione 2018”.

Il sito destinato alla trasmissione dei dati degli interventi è raggiungibile al seguente indirizzo: https://ristrutturazioni2018.enea.it/.
Qui è disponibile la relativa guida predisposta da ENEA: http://www.acs.enea.it/doc/ristrutturazioni.pdf.

Non sono ammessi ai benefici fiscali gli interventi di manutenzione ordinaria (spettanti solo per i lavori condominiali), a meno che non facciano parte di un intervento più vasto di ristrutturazione (punto 1.1.3 Guida AdE per ristrutturazioni edilizie). E’ il caso per esempio di un intervento di revisione della caldaia senza innovazioni (quindi senza risparmio energetico).

Potete contattarmi per ulteriori informazioni, comunque provvederò a tenere aggiornato il presente articolo nel caso di chiarimenti o novità in materia.

 


Per approfondimenti:

Consulta altri articoli qui:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *